giovedì 12 luglio 2018

Descendens... il trailer


NEWS!!!!!!!!!!!!
Il 23 Luglio uscirà su tutti gli store online Descendens, edito Delrai Edizioni. Un urban fantasy per ragazzi, appassionati del genere e adulti mai cresciuti.
Ciò che ancora non è stato reso noto è che questo romanzo è legato a svariate iniziative. Una tra queste, la produzione di un trailer. Già.
Descendens finisce davanti alla macchina da presa.
In collaborazione con la Video Earth di Pietro Lenci, stanno per iniziare le riprese di un trailer che verrà girato tra i comuni di Marcellina, San Polo e Anticoli Corrado.
Chi mi conosce sa bene che tendo a inserire nelle mie storie le piccole realtà territoriali, alcune anche inventate che si rifanno però a posti realmente esistenti. Lo scopo è quello di valorizzare i borghi, i luoghi poco visitati ma che hanno diverse storie da raccontare.
Le riprese del trailer avranno inizio a breve. Il progetto è ambizioso perché, concluso il periodo di montaggio, contiamo di far arrivare il filmato a più gente possibile.
Io sono ansiosa di cominciare. E, naturalmente, di tornare a Tiepole anche per consegnare il seguito del romanzo tanto atteso.

mercoledì 11 luglio 2018

Scrittura Time



L’estate per me non è sinonimo di mare e sole. Sono piuttosto sempre stata un’amante dell’autunno e dell’inverno, della cioccolata calda, degli stivali alti e dei cappotti rossi (eh, già. Senza un cappotto rosso nell’armadio non so proprio stare).
Tuttavia è d’estate che riesco a produrre di più, a dedicare molto più tempo alla scrittura, a concentrarmi sui personaggi più che sulle persone, a far tardi leggendo un libro, a trastullarmi tra editing e nuove storie. Ora come ora sto scrivendo molto. Dopo quasi due anni di “riposo” forzato, dovuto a un blocco causato dalla perdita di un amico. Mi trovavo già in conflitto con la scrittura, è vero. Ma la sua mancanza ha peggiorato le cose e non nego di aver desiderato di mollare questo mondo di storie e bellezza perché credevo che non sarei più stata in grado di descrivere nulla. Nessuna emozione, nessuna sensazione. Pensavo che il rubinetto delle idee si fosse prosciugato.
Ma... io ci sto riprovando. E ho scoperto che quelle storie messe in pausa sono rimaste ad aspettarmi. Pazienti. Molto più di qualsiasi persona. Sono qui, per me. E io fremo affinché da me passino a voi. Magari non domani, non subito. Ma arriveranno.
La domanda che ho deciso di pormi, dopo tanta atttesa, è: “cosa faresti senza scrittura”.

Mi sono risposta scrivendo.