venerdì 20 dicembre 2013

"L'amuleto di Giada" terza tappa del blog tour di Ginevra Wilde

Buongiorno amici di blog!
La mia strada fino a qui ospita oggi la terza tappa del blog tour dell'opera "L'amuleto di Giada" dell'autrice Ginevra Wilde.

Nemmeno a dirlo ho conosciuto Ginevra su Facebook e leggendo questi estratti che vi andrò a postare mi sono scoperta davvero curiosa di leggere quanto prima il suo libro.
Mettetevi comodi allora e seguite assieme a me le vicende di questa intrigante storia...



Che fine fanno le persone quando scompaiono?

Ogni giorno in televisione, nella radio, nei giornali si sente e si legge di persone sparite nel nulla. L'attimo prima ci sono e l'attimo dopo...Paff! Svanite. Senza un indizio, senza una traccia. Sono fuggite di propria spontanea volontà? Sono state rapite? Uccise? Rapite dagli alieni? Forse sì, forse no. O forse sono state catapultate indietro nel tempo come Athena, giovane protagonista del nuovo romanzo di Ginevra Wilde.



Athena è una studentessa veneziana di Lettere e filosofia. Non ha nulla di speciale, la sua vita è ordinaria e tranquilla. Trascorre le sue giornate studiando per gli esami, flirtando con i coetanei e lavorando part-time nella biblioteca del suo ateneo. La sua unica passione è viaggiare. Durante un viaggio a Nabeul compra, come tutti i turisti, un souvenir: un ciondolo di giada. E da quel momento la sua vita cambia.
Athena deve fuggire: è inseguita da un aspirante stregone che cerca di carpirle un segreto che non conosce, nella biblioteca trova un diario con il racconto della sua stessa vita, strani fenomeni e avvenimenti compaiono nella sua monotona vita fino a quando, in seguito ad un rituale esoterico, viene catapultata a sua insaputa nel 1786, esattamente 225 anni indietro nel tempo. Tra innumerevoli pericoli e nuove avventure, Athena parte alla ricerca della famigerata strega Lucjia da Pula, l’unica in grado di farla tornare nel 2011. Sullo sfondo della quasi decaduta Repubblica Serenissima di Venezia e dei violenti moti rivoluzionari che sconvolsero l’Europa alla fine del Diciottesimo secolo, magia e mistero si intrecciano alla banale quotidianità e ai reali accadimenti storici. Ma Athena deve decidere: cosa è più giusto, tornare nella sua epoca o rimanere nel 1786? In fondo, si dice, la normalità non è sempre solo ciò che sembra scontato ed ordinario.

Amori


“Non importa. Me lo dirai a suo tempo. Non pretendo di sapere ciò che non puoi dirmi. Athena…fece una pausa. “Io ti amo…e voglio sposarti e proteggerti. Non mi interessa chi tu sia o da dove vieni. Tu sei solo Athena per me, solo di questo mi importa.”





Duelli


C’era una macabra eleganza in quella danza della morte. Il corpo di Jean era leggero e flessuoso, elegante e scattante nonostante il suo viso esprimesse rabbia ed offesa. Era sicuro di se stesso. Sapeva di essere il più forte. Un ghigno beffardo aleggiava sul suo viso. Era bello. I muscoli si tendevano e si rilassavano sotto il tessuto nero ad ogni movimento, gli occhi illuminati da una luce tetra.

Mistero

Guardai nella vetrina del locale e vidi riflesso lo stesso volto della pagina e lo stesso ciondolo poggiato sul mio petto. Sotto all’immagine vi era un messaggio, scritto con inchiostro rosso brillante che pareva sangue fresco. “Sapore amaro di un ricordo lontano mi trafigge le membra,mi stritola il cuore, gocce di sangue spremute dal mio corpo scorrono velocemente su questa pergamena diretta a te, amata adultera, adorata fedifraga che mi uccise con il suo mortale silenzio. Io maledico la tua stirpe di serpi, la tua turpe discendenza e maledico te, malefica infedele.


E colpi di scena


“Alla luce di tali capi d’accusa, io ritengo Giovanni Lucio Vicentini conte di Mestre incriminato di eresia,libertinaggio ed assassinio e condannato a sei mesi nella prigione dei Piombi.” Alcune persone trattennero il fiato, altre risero e fischiarono. “E dopo questo periodo, alla morte per impiccagione” concluse l’Inquisitore.




Un intreccio indissolubile tra storia 

“Uccidi Barbiano di Belgioioso. Iniziamo una vera guerra contro gli invasori!”

E fantasia 

 Poi l’amuleto di giada s’illuminò sul mio petto, si illuminò così fortemente che inondò la stanza di luce verde e vidi gli occhi degli uomini di fronte a me aperti per lo stupore,le bocche arse e secche per lo sgomento. E Giuditta continuava a ripetere quelle parole, e ancora, e ancora fino a che non mi sentii sollevare dalla sedia.

L’amuleto di giada vi sorprenderà

"Però tu dici che non sei la ninfa degli specchi d’acqua…non lo so. Lo sei?” “Tu vorresti che lo fossi?” “Sarebbe bello. Potrei anche ucciderti e venderti a qualche medico per farti sezionare e vedere come sei dentro. Fuori sei molto umana.”





Disponibile in tutti i migliori stores online in formato ebook e cartaceo.

Per saperne di più segui il link: http://ginevrawilde.blogspot.co.at/

Grazie Alessandra per avermi ospitato e grazie a tutti i miei lettori.

Ginevra Wilde

19 commenti:

  1. Ciao Ginevra e Alessandra.
    Sto leggendo molto volentieri L'amuleto di giada e sono molto divertita dal personaggio di Athena che con il suo essere abituato alla vita di oggi, riesce a destreggiarsi magnificamente nell'epoca in cui è stata catapultata... Mi chiedevo ieri, mentre lo leggevo, i pomodori, il disinfettante e tutte quelle cose che lasciano allibite le cameriere e lo stesso Jean, ma quante ricerche hai dovuto fare per sapere cosa c'era e cosa non c'era allora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annalisa,
      io ho un asso nella manica: una magnifica enciclopedia storica in 26 volumi. C'è di tutto in essa e io l'ho studiata parecchio. E google, immancabile!
      Grazie per essere sempre presente!

      Elimina
  2. Athena è una ragazza forte e lo dimostra il modo con cui affronta la sua avventura. Ma tu, al posto suo, come pensi che avresti reagito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda! Io penso che sarei letteralmente impazzita! Insomma, gliene capitano di tutti i colori, povera ragazza. Mi sarei disperata. Però devo ammettere una cosa che mi farà passare per folle: io vorrei poter viaggiare nel tempo e scoprire nuovi mondi! Tuttavia non mi sono mai realmente postala domanda: come reagirei? Da un latomi divertirei, da un lato...uscirei di testa!

      Elimina
  3. Da Loriana Lucciarini
    1) Un libro pieno di intrecci e colpi di scena. Sicuramente hai fantasia da vendere! Però, mi chiedevo, quando inizi a tessere la trama, ti lasci spazi aperti per eventuali ulteriori idee oppure quando inizi a scrivere hai già tutto ben delineato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loriana! Quando mi metto a scrivere io so solo l'idea principale del racconto, studio il contesto storico, creo i protagonista e li metto nella storia. Quello che succede poi viene da sé! Io mi sorprendo di come le storie si scrivono da sole: ho l'impressione di essere una spettatrice che racconta semplicemente quello che vede. E' strano perché è tutto nella mia mente ma è così che vivo il precesso creativo.
      Grazie anche a te Loriana per essere sempre presente!

      Elimina
  4. Da Loriana Lucciarini

    2) Hai in progetto di scrivere altre avventure di Athena e il suo ciondolo magico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto già lavorando al sequel de L'amuleto di giada: La strega croata. Non potevo di certo lasciare i miei personaggi così:)

      Elimina
  5. Cristiano Davino mi chiede:

    Ciao Ginevra, quanto ti identifichi con il personaggio di Athena? Ci sono altri personaggi, nel racconto, che rispecchiano sfumature del tuo carattere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiano, mio fan che mi segue in tutte le tappe :)

      Alcune sfumature di Athena rispecchiano il mio carattere, determinata, incosciente e con la lingua lunga (come ben sai). Gli altri personaggi mi rispecchiano di meno, forse Jean, quando cerca di far rigare dritta Athena, riflette la mia coscienza.

      Elimina
  6. Loriana Lucciarini

    3) HO APPENA ACQUISTATO L'EBOOKKKKKKKK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere! Buona lettura, spero ti piaceranno Athena,Jean e Tommaso.

      (Io intanto aspetto Il cielo d'Inghilterra, eh!)
      :)

      Elimina
  7. Ho saputo che alcuni non riescono a postare i commenti... blogspot fa di questi scherzi ma non saprei come aiutarvi! :( la moderazione non è attiva dunque non so cosa dire in merito... :(

    Io invece a Ginevra rivolgo questa domanda (se è già stata fatta me la sono persa): come mai questo pseudonimo? E cosa significa per te? Come mai la scelta di questo nome?

    RispondiElimina
  8. Ciao Alessandra e grazie ancora per l'ospitalità. Ginevra è semplicemente un nome che mi piace tanto, è romantico e mi ricorda monti antichi, medievali di amori e battaglie. Wilde invece è un omaggio al grande Oscar, per me artista sublime, mentore, ed essere umano eccezionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora per il cognome Wilde avevo immaginato bene u.u :)

      Elimina
  9. Elvio Ruffo scrive:

    Preferisco poche parole per descrivere l'artista ginevra:una scrittrice che riesce a viaggiare tra storia e futuro in un modo eccezionale!inoltre dietro ai suoi scritti si cela una ragazza dalla forte sensibilita!quindi avanti cosi augurandoti tanti successi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elvio per sostenermi sempre e per la fiducia che riponi nella mia arte. :)

      Elimina
  10. He leído alguna de tus historias cortas y me parecen fascinantes. Leyendo estas entrevistas me hacen plantear aprender italiano para poder leer las aventuras de Athena.
    Alberto.

    RispondiElimina
  11. So learn Italian. I will give you my book so that you can learn it and I will help you. Miss u already!

    RispondiElimina