domenica 19 novembre 2017

Leggi su Wattpad






Nell'aria rintoccava il rumore metallico delle enormi lancette che scandivano ancora i secondi, l'unico suono che l'orecchio umano poteva sentire in quella notte privata delle stelle.
Tic tac, tic tac...Xiandria era in attesa che quel ticchettio finisse; solo allora avrebbe potuto lasciare in tutta sicurezza il suo nascondiglio. La ferita al fianco le lanciava delle fitte di dolore, soprattutto quando azzardava dei movimenti troppo bruschi; non osava immaginare quanto avrebbe sofferto di lì a poco dopo essersi sollevata di scatto per correre verso la Base 2K dell'Orologio. Ma quella era l'unica via di scampo, l'unico modo per tornare sulla Terra.
Tic tac, tic tac...

Continua a leggere su...  Wattpad




Damian se ne stava con il viso rivolto verso l'alto, a fissare quel cerchio perfetto appuntato al petto del cielo. Aspettò che sua sorella scendesse dalla carrozza e fosse al suo fianco per abbassare los guardo.
«La luna stasera sembra essere nostra testimone» le disse.
Evette Burns fissò gli occhi scuri nei suoi e annuì. La ragazza ostentava sicurezza, avvolta dal collo fino alle caviglie dal suo mantello scarlatto, ultimo dono di suo padre, Lord Charles Anthony Burns. L'uomo, per la stampa dell'epoca, era stato assassinato un anno prima da un manigoldo nel quale si era imbattuto per strada una fredda sera di dicembre. Per i figli invece Lord Burns era stato brutalmente ucciso da un non morto nel cimitero di Highgate, quello stesso luogo che ora si ergeva silenzioso e deserto davanti ai loro occhi.

Continua a leggere su...  Wattpad

Nessun commento:

Posta un commento