giovedì 16 marzo 2017

Da "La Bella e la Bestia" a "Io sono la Bestia"

Buonasera, amici di blog!
Oggi è uscito nei cinema la versione "in carne" di uno miei cartoni animati preferiti, nonché storia preferita dell'infanzia: "La Bella e la Bestia". Conservo ancora la VHS che mio fratello mi regalò al suo ritorno dalla licenza militare. Avrò visto quel cartone decine e decine di volte, fino a consumare il nastro. Credo di aver visto tutte le versioni, compresa quella sontuosa e teatrale al Brancaccio. Posto prima fila. Ottanta euro di biglietto che ripagherei anche adesso.
E rimuginando su questi vecchi ricordi, mi è tornato alla mente uno dei miei racconti brevi pubblicati online, liberamente ispirato proprio alla storia di Belle e della sua Bestia.
"Io sono la Bestia" partecipò alla raccolta di racconti "Once upon a time", per il sito Romanticamente Fantasy. Mi ricordo che fu un divertimento per me scriverlo ed è stato un divertimento anche rileggerlo. Ne posto un estratto. 

A quasi dieci anni dall'inizio del mio percorso editoriale, posso dire che il mio viaggio nei viale dei ricordi è già cominciato...





«Il clima a Parigi è teso; si attende qualcosa di cui si vociferava da tempo. E mentre noi insorgiamo contro creature demoniache, il popolo parigino lo farà contro l’autorità assoluta del re e della regina. Si prospetta un movimento popolare difficile da gestire e arrestare. Fremo all’idea di cosa possa accadere. Mia sorella Jeanine, quell’arpia profetessa, ha predetto rivoli di sangue gocciolanti da teste mozzate. E tra polvere da sparo e forconi, ha intravisto la figura della Bestia. I suoi vaneggiamenti non sono da prendere alla lettera e spesso ci hanno condotti a molte scelte sbagliate. Mortali. Ma se le chiacchiere si aggiungono alle sue visioni allora forse stavolta non faremo un buco nell’acqua. Forse stavolta riusciremo a tagliare la testa della Bestia ed esibirla assieme agli altri trofei conquistati. Le tenebre non mi fanno paura, ci sono cresciuta nel mezzo. E le creature che le abitano sono solo ombre da scacciare con lo scintillio delle nostre lame.»


Trovate il racconto completo QUI 

Buonanotte, amici di blog!

Nessun commento:

Posta un commento