mercoledì 26 giugno 2013

Confessioni di una scribacchina #2

Buongiorno amici di blog!
Temporale in vista da me! Pioggia e cielo nero proprio come quello che in genere descrivo a Tiepole.
Ed è proprio di Tiepole che voglio parlarvi, o più precisamente di cosa sto combinando in questo periodo.
Sto scrivendo parecchio perché le idee per fortuna non mancano; servirebbero, come ripeto sempre, un paio di occhi nuovi per stare più ore al pc. Invece per ordine del dottore devo staccare la spina più spesso togliendo così tempo alla scrittura.
Poco male, quando stacco da qui in genere leggo visto che ho una lista infinita di libri da smaltire.

Proprio l'altro giorno, mentre mi rilassavo gli occhi in compagnia dei miei nipoti, ho pensato di fare una lista degli appuntamenti che mi aspettano a Tiepole, più che altro per fare ordine nella mia mente e tenere a bada la Musa sregolata con la quale mi ritrovo a che fare tutti i giorni.
Armata di carta e penna ho stilato degli appuntamenti con delle date approssimative che cercherò con tutte le mie forze di rispettare. Eccovele qui, elegantemente riscritte dalla mia fida grafica Elisabetta Baldan. 





Lo spin - off manca ancora di un titolo e preferisco dedicare a quest'opera un post a parte che scriverò prossimamente.
Le Appendici saranno molto simili a quelle che si trovano già nel primo libro della discendente e tratteranno argomenti come Tiepolo e l'immortalità o Il clima di Tiepole oppure ancora Gli amanti di Tiepole. 
Il secondo libro della discendente si farà attendere ma solo perché voglio fare un lavoro molto attento e serve tempo sia per scrivere che per editare.
La scrittura dello spin - off e del secondo libro si stanno accavallando. La mia Musa è davvero sregolata.

Fatto il punto su Tiepole vorrei ora parlarvi di un altro progetto che sto seguendo e che vedrà la luce nelle prossime settimane. Pochi di voi sanno come io e Elisabetta Baldan ci siamo conosciute. Per farvela breve: entrambe facevamo parte di un gioco di ruolo su FB. Da lì siamo passate a creare un forum e di conseguenza uno scenario dove poter muovere i nostri protagonisti. Il forum in questione è il Misty Hill GDR. La città nebbiosa è una storia creata di sana pianta da noi con l'aiuto degli utenti che la frequentavano in quel periodo. Io e Elisabetta abbiamo scritto diverse storie a due mani in quel posto virtuale e poco tempo fa ci siamo dette: ma perché non riprendere alcune delle ruolate e farne dei racconti da pubblicare su amazon magari, a titolo assolutamente gratuito?
Così abbiamo scelto (almeno per ora) tre storie che stiamo editando.



Misty Hill in realtà è una storia che non ho mai dimenticato e questa piccola raccolta sarà una sorta di riscatto e di rivincita per me. Vi terrò aggiornati anche su questo.

Ci sarebbero altre cose da dire su quello che combino quando mi siedo al pc a scrivere, ma forse è meglio parlarvene un'altra volta.
Ora stacco di nuovo e vado a godermi un poco di fresco (e anche qualche tuono).

Un saluto amici di blog!

3 commenti:

  1. Che bello Ale! Sono contenta per te e per tutti questi bei progetti "scrittevoli". E' un piacere sentirteli dire... Scrivi, infatti, benissimo e non lo dico tanto per dire, ma perché é la verità. Però se hai bisogno di una mano per trovare refusi o errori di battitura nei tuoi testi, non esitare a chiedere, dato che hai problemi con la vista. Quattro occhi sono meglio di due (e con tutto questo, questi refusi sfuggono sempre purtroppo! Però sempre meglio di niente!). Lo faccio con piacere, davvero... Bene! In bocca al lupo per tutto (crepi lo dico io per te) e buona scrittura!!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per lo spin - off pensavo proprio di ricorrere anche ai tuoi occhi! Te lo invio non appena l'ho ultimato! :)

      Elimina
  2. Sono curiosissima di leggere tutto quello che ci proporrai per Tiepole, lo spin-off, non so perché è quello che più attira la mia attenzione.

    E sono ancora più curiosa di conoscere questo nuovo progetto Misty Hill, titolo e sottotitolo mi ispirano un sacco, e sapere che tutto è nato da un GDR mi fa brillare gli occhi, anch'io partecipavo ad alcuni giochi di ruolo e so bene quanto le ruolate possano allungarsi fino a diventare piccoli racconti *___*

    RispondiElimina